NEWS

Articolo
Arzachena Costa Smeralda Calcio

Una prodezza di Peana avvicina alla salvezza. Uno a uno con il Prato.

Una prodezza di Andrea Peana a meno di un quarto d’ora dalla fine regala ai biancoverdi un pareggio che vale al cospetto di un Prato che era andato in vantaggio su calcio di rigore ad inizio ripresa. I toscani restano così a 15 punti di distanza con una gara in meno da giocare e la salvezza, sia pur non conquistata oggi come ci si auspicava, si avvicina un altro po’. Giorico deve fare a meno di Vano e Nuvoli (squalificati) oltrechè di Bonacquisti, Baldanzeddu e Arboleda (infortunati). Il tecnico smeraldino opta per uno schieramento offensivo con Musto punta centrale affiancato da Sanna. Curcio si muove dietro di loro supportato da Lisai e Bertoldi che è ispiratissimo e al 5′ conclude di controbalzo dal limite: la palla è diretta sotto la traversa, ma Alastra si supera e la manda in angolo. Al 12′ Bertoldi ci riprova dai 20 metri: Alastra si distende sulla destra e blocca. Lisai, in dubbio sino all’ultimo, non ce la fa e al quarto d’ora gli subentra Taufer. Partita maschia con molti contatti ruvidi. Al 26′ Carletti va via in area e conclude: la sfera attraversa tutto lo specchio senza che nessuno riesca a deviarla. Brivido sulla schiena della tifoseria biancoverde. Curcio prova a sbloccarla al 32′ con un sinistro al volo che termina alto. Dopo 4 minuti il capitano ospite Ghidotti paga la seconda entrata fallosissima con il secondo giallo che lascia i toscani in inferiorità numerica. Arzachena che cerca di cogliere l’attimo e al 40′ il cross del solito Bertoldi è spizzicato da Sanna per il controllo sontuoso di Varricchio il cui bolide è respinto da Alastra. In chiusura ancora Bertoldi ad impazzare prima di offrire un assist d’oro a Musto che, solo davanti al portiere, spara fuori. Al rientro in campo Arzachena subito all’offensiva, ma un errore in fase di impostazione a centrocampo innesca il contropiede pratese: Carletti vola verso Ruzittu e lo dribbla prima di essere atterrato in area. Giallo per Ruzittu e trasformazione impeccabile di Ceccarelli dal dischetto. Biancoverdi che accusano il colpo e al 5′ Taufer salva davanti alla porta in ottimo ripiegamento difensivo un gol quasi fatto. L’episodio scuote Curcio e compagni che sfruttano ancora la vena di Bertoldi. Al 13′ l’attaccante romano pennella dalla bandierina per la potente incornata di Musto: la palla colpisce la parte bassa della traversa e rimbalza davanti alla linea prima di essere spazzata dalla difesa. Bertoldi ci prova ancora due minuti più tardi con una staffilata da fuori che sibila vicino al palo destro. La pressione arzachenese cresce col passare dei minuti. Al 25′ la serpentina di Taufer è splendida e gli consente di giungere davanti ad Alastra per un destro ribattuto da Casale; il pallone rimane nell’area piccola e Taufer conclude di potenza mancando clamorosamente il bersaglio. Peana è molto attivo sull’out di destra e al 30′ crossa per Sanna che anticipa di testa Alastra, ma Casale allontana davanti alla linea bianca. Porta ospite che pare stregata, ma al 33′ Trillò (entrato 6 minuti prima per Varricchio) confeziona un perfetto traversone sui sedici metri dove Peana controlla sapientemente e si coordina per un sinistro tracciante che manda la palla ad infilarsi all’incrocio dei pali. Gioia incontenibile in campo (nella foto) e sugli spalti e Arzachena che crede nel successo e continua ad attaccare. Al 41′ l’incredibile occasione per fare bottino pieno parte da un altro cross al bacio di Peana che Curcio incorna in torsione indirizzando nell’angolo lontano. Alastra ci arriva anche stavolta, ma la sua respinta finisce sulla testa di Taufer che, da due passi, sia pur in posizione leggermente defilata, manda sull’esterno della rete disperandosi per l’accaduto. Ad un minuto dal 90° Piroli è costretto a cinturare Orlando lanciato a rete e finisce anzitempo negli spogliatoi. Il triplice fischio consegna un punto a testa. Domani la squadra di Giorico sarà di nuovo al “Biagio Pirina”, come a Pasqua e a Pasquetta per preparare il match di recupero in programma martedì ad Alessandria.

 

Arzachena: Ruzittu, Peana, Varricchio (26’st Trillò), Casini, Sbardella, Piroli, Lisai (15′ Taufer), Bertoldi, Musto (39’st La Rosa), Curcio, Sanna

A disposizione: Cancelli, ,Maestrelli, Aiana, Cardore

Allenatore Mauro Giorico

Prato: Alastra, Cistana, Coccolo, Gargiulo, Casale, Guglielmelli (24’st Bertoli), Fantacci (37′ Zucchetti), Ghidotti, Carletti (17’st Orlando) Ceccarelli, Piscitella

A disposizione: Sarr, Colli, Liurni, Rozzi Giannini, Akammadu, Kouassi

Allenatore: Pasquale Catalano

Arbitro: Paterna di Teramo

Reti: 2’st Ceccarelli (r) 33’st Peana

Note: espulsi Ghidotti (36′ doppia ammonizione), Piroli (44’st fallo da ultimo uomo);ammoniti Ruzittu, Maestrelli (dalla panchina), Peana, Orlando; angoli 5 a 4 per l’Arzachena; recupero 2’pt e 4’st.

Foto Ufficio Stampa Arzachena Costa Smeralda Calcio