NEWS

Articolo
Arzachena Costa Smeralda Calcio

Giorico: “Squadra che lotta e non si arrende mai”

Mauro Giorico sorseggia con calma un caffè prima di analizzare quella che è, senza ombra di dubbio, una grande vittoria: “Il risultato finale non dà la giusta misura della sofferenza che abbiamo patito per portare a casa questo successo. Avevamo davanti un’ottima squadra che ci ha messo in difficoltà soprattutto nel primo tempo esercitando una pressione palpabile. I ragazzi sono stati davvero bravi a mantenere la massima concentrazione riuscendo a sventare tutte le opportunità create dagli avversari“. Il trionfo di tutti. “Grande partita da parte di tutti quelli che sono scesi in campo. Tutti si sono fatti trovare pronti dando il massimo e svolgendo al meglio il compito affidato loro“. Il mercato ha competato la rosa in maniera essenziale. “Posso disporre di due giocatori per ruolo. Ho il delicato compito di fare le scelte valutando l’impegno e le condizioni di tutti durante la settimana“. A 30 punti che aria si respira? “Ci manca ancora più di un terzo dei punti che abbiamo conquistato. L’obiettivo è quota 42“. La sostituzione di Vano: “Sono stato costretto a farla poichè lo stavano provocando in continuazione. Sono atteggiamenti che non hanno nulla a che vedere con lo sport“. Musto si è fatto trovare pronto: “Lo conoscevo, sia pur da avversario, dai tempi della Torres e nei pochi allenamenti svolti in gruppo ho valutato le sue qualità. Ci tornerà sicuramente utile“. L’assenza di Curcio: “Ho preferito non rischiarlo preservandolo per il proseguo del torneo. La squadra è stata brava ad ovviare alla sua mancanza con una prestazione di alto livello“. Gli obiettivi cambiano? “Ne abbiamo solo uno: la salvezza. Tutto il resto sono chiacchiere. Mi piace la squadra che lotta e non si arrende mai”.

Matteo Bertoldi è stato autore di una prova sontuosa: “Era importante vincere. Ci siamo riusciti e va bene così“. Successo sofferto: “Avevamo di fronte una delle squadre più forti del campionato che si è notevolmente rinforzata nel mercato di riparazione. Soffrire era naturale“. Quale posizione preferisce Matteo Bertoldi? “Mi piace fare l’esterno d’attacco, ma anche quando il mister mi schiera da mezzala mi esprimo bene“. Il 3 a 0 può illudere in vista della trasferta di Monza? “Non credo proprio. Da martedì ci ritroveremo al campo per preparare quella che sarà un’altra battaglia”. La rosa si è ampliata: “Ciò ha accresciuto la sana competizione tra noi per meritare la maglia da titolare”.

Michele Vano ha realizzato un altro gol pesantissimo: “La sostituzione mi ha impedito di continuare ad aiutare i compagni, ma devo migliorare sotto questo aspetto cercando di stare più calmo e di non cadere nella trappola della provocazione“. Vittoria preziosa. “Abbiamo dato continuità a quella di Pontedera”. Una rete non certo casuale. “Sono movimenti che proviamo tante volte in allenamento. Quando Sanna ha alzato la testa sapeva che io sarei stato là“. Come ha visto Musto? “E’ molto forte ed essendo del ’96 può fare strada in categorie più alte della Serie C“. La condizione atletica di tutto il complesso è invidiabile: “Il “prof” Christian Parabita lavora con competenza. Siamo la squadra che corre di più in tutto il campionato. Lui ci mette impegno e passione. E’ davvero bravo“. Il futuro? “Dobbiamo fare altre quattro vittorie per stare tranquilli“.

Foto Ufficio Stampa Arzachena Costa Smeralda Calcio