NEWS

Articolo
Arzachena Costa Smeralda Calcio

Giorico: “Partita di grande sacrificio. Complimenti a tutta la squadra”

Mauro Giorico si presenta in sala stampa giustamente orgoglioso per il risultato conseguito: “Eravamo reduci da due partite, con Cuneo e Prato, dalle quali non eravamo riusciti ad ottenere i punti necessari per arrivare alla salvezza. Per questo motivo siamo venuti qua con uno schieramento coperto. Abbiamo contenuto l’Alessandria nel primo tempo e a metà ripresa ho provato a pungere sfruttando lo sbilanciamento avversario. Negli ultimi 20 minuti abbiamo costruito 2 o 3 chiare opportunità per fare bottino pieno“. Una prestazione impeccabile. “La mia squadra si è espressa con grande sacrificio e grande corsa. Chi è subentrato non ha tuttavia garantito la stessa copertura e di questo mi sono lamentato negli spogliatoi, perchè questa Alessandria può vincere la partita in qualsiasi momento“. Una gara preparata nei minimi dettagli: “Dovevamo fare questa partita. Quando si sono scoperti abbiamo cecato di colpirli sfiorando il colpaccio“. Tutti molto positivi. Vano gladiatore là davanti: “Ha tenuto botta. Ha tenuto su la squadra. Ha subito un sacco di falli. E’ uscito perchè non ne aveva più. Oggi non ci potevamo permettere di schierare le tre punte. Faccio i complimenti a tutta la squadra“. I raddoppi su Sestu e Gonzalez sono stati determinanti: “Nell’uno contro uno sono micidiali. Dovevamo limitarli e ci siamo riusciti”. A metà ripresa un fallo in area su Bertoldi, ammonito per simulazione. “Lo devo rivedere, ma, a mio parere, era rigore tutta la vita”. Un campionato giocato tutto fuori casa. “Per me questo è il quarto anno ad Arzachena e in tre stagioni di Serie D abbiamo perso solo tre partite. Il “Biagio Pirina” è il nostro fortino. La maggior parte dei nostri sostenitori non vuole farsi 20 chilometri di curve per venire ad Olbia. Speriamo di poter tornare tra le mura amiche per la sfida con il Livorno del 21 aprile”. Un augurio all’Alessandria: “Mi piacerebbe che vincesse i playoff per tornare in Serie B, la categoria che le compete”.

Giuseppe Nuvoli si è sobbarcato un immane lavoro nella zona nevralgica: “Giocavamo sul campo di una squadra fortissima reduce da 21 risultati utili consecutivi. L’abbiamo studiata in questo modo. Nel primo tempo li abbiamo contenuti non disdegnando le ripartenze senza rischiare più di tanto. Nella ripresa con i cambi è aumentata la qualità dei contropiede”. Il palo di Lisai: “Peccato. Avremo coronato alla grande una splendida prestazione. Ma va bene lo stesso”. La salvezza si avvicina: “A piccoli passi o con una vittoria la porteremo a casa”.

Marco Ruzittu ha compiuto almeno due interventi da campione: “Fare punti su questo campo non è facile per nessuno. Li abbiamo contenuti benissimo. Nel finale con Sanna e poi con Lisai potevamo fare il colpaccio, ma il loro portiere è stato bravo su Andrea mentre Giancarlo ha tirato da posizione troppo defilata”. Un punto valorosissimo. “Loro sono uno squadrone che solo per l’avvio di torneo incerto non è al vertice. Siamo molto soddisfatti”.

Foto Ufficio Stampa Arzachena Costa Smeralda Calcio