NEWS

Articolo
Arzachena Costa Smeralda Calcio

Giorico: “Pagato caro un errore di concetto”

E’ una sconfitta che fa male subita contro una diretta concorrente per la salvezza. Un errore di concetto ci è costato la partita“. Mauro Giorico centra immediatamente il cuore della sfida persa con il Pro Piacenza. “Dopo un primo tempo equilibrato, nella ripresa abbiamo preso campo, ma al culmine della pressione, dopo 4 calci d’angolo consecutivi, un gravissimo errore in fase di impostazione ha favorito la ripartenza da cui è nato il gol decisivo“. Il tecnico catalano continua: “Avevamo sei uomini in area a saltare, anzichè fare un logico appoggio sull’esterno si è cercato di sfondare perdendo palla. A questi livelli certi errori si pagano. L’ha fatto un giovane e spero che questo gli serva di lezione per la carriera che gli auguro”. Pro Piacenza avversario rognoso. “Lo sapevamo. Si difendono in cinque abbassando anche i centrocampisti. Con certe squadre non riesci a trovare gli spazi che altri concedono”. Prestazione in chiaroscuro. “Non siamo stati lucidissimi, ma l’impegno c’è stato. In qualcuno c’è un attimino di stanchezza, lo vedremo in settimana”. La classifica si è accorciata. “Abbiamo dato un po’ di fiato alle compagini dietro di noi. Perchè il nostro obiettivo è la salvezza. Non dobbiamo mai dimenticarlo”. All’orizzonte la dura trasferta sul campo della Giana Erminio: “Bisogna fare il “mea culpa” per i troppi punti persi e rimettersi con i piedi ben piantati per terra“. Baldanzeddu è uscito per crampi. “Non ha fatto la preparazione. L’ho fatto giocare gradatamente per aiutarlo a fargli acquisire la condizione. La sosta servirà a ricaricare lui e anche altri. Domenica prossima metterò dentro chi ne ha un po’ di più”. 

L’analisi di Alessio Curcio è della massima concretezza: “Non è stata una bella partita seppur giocata con grande intensità. Ai punti avremo meritato di non perdere. Certi errori dopo 18 partite non dovrebbero più capitare”. Un avversario che non ha concesso nulla. “Non hanno praticamente mai rischiato, non ci hanno concesso spazi“. Come si riparte dopo questo ko? “Dall’attenzione nel lavoro quotidiano. Bisogna ritrovare la determinazione e la cattiveria che ci hanno consentito di conquistare i punti che abbiamo. Se da qualche tempo non riusciamo a vincere vuol dire che c’è stato un calo di tensione. Dobbiamo stare attenti perchè ci vuole un attimo per ritrovarsi invischiati“. C’è una ricetta particolare? “Mantenendo la serenità è d’obbligo ritrovare un altro tipo di concentrazione“. L’Arzachena non è più una sorpresa e gli avversari hanno un atteggiamento differente: “Adesso ci rispettano. Ce lo siamo guadagnato con quel tipo di mentalità senza la quale si fa fatica”. 

Foto Ufficio Stampa Arzachena Costa Smeralda Calcio