NEWS

Articolo
Arzachena Costa Smeralda Calcio

Focus sulla Pistoiese

Equilibrio e concretezza. Queste le peculiarità della Pistoiese, avversaria dei biancoverdi sabato nel match del “Marcello Melani”. 23 partite utili (8 vittorie e ben 15 pareggi) e soltanto 9 sconfitte rivelano un complesso che bada al sodo sfruttando al meglio il 3-5-2 professato dal suo tecnico Paolo Indiani, 63 anni e una lunga esperienza soprattutto su panchine della Toscana. La società arancione ha approfittato del mercato invernale per acquisire le prestazioni dell’esperto centrocampista Nardini (classe ’83) e del difensore centrale Terigi (proveniente dalla Robur Siena), che ha preso il posto di Rossini. Fanno parte della rosa due Nazionali Under 20: il portiere Zaccagno e il trequartista Picchi (scuola Empoli). 39 punti in classifica (uno in più dell’Arzachena) ottenuti anche grazie alle prodezze del centravanti argentino Franco “El loco” Ferrari, autore di 11 gol e della sua spalla ideale Vrioni, andato a segno in 8 occasioni. In mezzo qualità da vendere con l’uruguagio Surraco e con Luperini (5 reti all’attivo di cui l’ultima per il preziosissmo pari al 96′ nel recente derby in casa della Lucchese), mentre Hamlili garantisce corsa e quantità. L’ottimo stato di salute è confermato dalla grande rimonta portata a termine nel turno scorso a Piacenza, con Ferrari e il terzino Zullo a fissare il 2 a 2 definitivo. All’andata al vantaggio siglato da Minardi di testa a metà ripresa rispose Vano con un gran diagonale a 7 minuti dal novantesimo.

Foto Ufficio Stampa Arzachena Costa Smeralda Calcio